progetto

Quali processi cognitivi si possono innescare producendo uno scatto di scienza o guardando una fotografia o un video?

Vi è capitato di pensare che una foto o un filmato eseguiti durante un esperimento, oltre ad illustrare il fenomeno, comunicando un contenuto scientifico, possano essere belli, suggestivi ed espressivi?

È possibile che un fenomeno catturato per caso con una fotografia o una sequenza riesca a generare stupore e a invitarci a cercare “quanta scienza” è rappresentata nella foto o nel video?

E’ possibile che una fotografia inneschi un processo di interpretazione/ricerca su un tema scientifico e dia lo spunto per nuovi esperimenti o osservazioni naturalistiche?

Sono queste alcune delle domande che ci hanno convinto che esiste uno spazio di ricerca e di sperimentazione che metta al centro la fotografia e il video scientifici e che si proponga di stimolare gli studenti a osservare con occhio nuovo oggetti, esperimenti, situazioni, ambienti.

Su queste basi l’Associazione Scienza under 18 e l’Università degli Studi di Milano, in collaborazione con il Museo di Fotografia Contemporanea, hanno promosso Scatti di scienza, il progetto per studenti e insegnanti che è giunto nel 2019-2020 alla sua XII edizione.

CLICCA QUI PER MAGGIORI INFORMAZIONI SUL PROGETTO 2019-2020

Nelle SCHEDE DI LAVORO sono indicati consigli sia per gli studenti che per gli insegnanti.

Da allora centinaia di ragazzi, di ogni ordine di scuola, hanno scattato fotografie ed eseguito video scientifici assecondando la propria curiosità, fantasia e capacità di osservazione: alcuni hanno documentato un istante significativo di un esperimento, altri hanno “immaginato” e preparato la fotografia prima dello scatto; altri ancora hanno colto la bellezza di un particolare fenomeno naturale, spesso mossi dalla sorpresa per qualcosa di inaspettato.

I ragazzi hanno attribuito un titolo significativo al loro lavoro e l’hanno descritto nella scheda proposta dal gruppo di lavoro del Progetto con l’obiettivo di fissare impressioni, intenzioni, interessi per la ricerca di spiegazioni e anche interrogativi emersi dopo l’esecuzione del lavoro.

Dal 2008-2009, in ogni anno scolastico, il Progetto Scatti di scienza ha avuto il seguente sviluppo:

Contact Form Powered By : XYZScripts.com